La Città Futura

il progetto rossoverde per Portogruaro
 

Acqua. Consumo 1 pago 40

11 agosto 2016
Pubblicato da Ermes Drigo

In questi giorni mi è arrivata la fattura relativa alle mie spese per il consumo di acqua nello studio di Gruaro. Ho consumato mc 1 (uno) e in fattura mi vengono addebitati mc 40 (quaranta), per una fattura totale di 48,15 euro. Lasciamo perdere l’altra voce “importo quote fisse acqua” per euro 17,17 e concentriamoci sull’importo fisso di 40 mc di acqua.

In un mondo dove si fanno le guerre per l’acqua, esiste una società LTA Livenza Tagliamento Acque, con sede legale a Portogruaro in Piazza della Libertà 1, che fa pagare tanto a chi consumo poco. E’ un bell’incentivo a sprecare. Vuol dire che la prossima volta laverò l’auto o bagnerò l’erba, tanto non costa niente.

Eliminiamo il fisso.

Portogruaro 23/07/2016 ermes drigo 3388310582

 

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Giugno 2012

9 luglio 2012
Pubblicato da Ermes Drigo

Camorra, disoccupazione e niente treni

Venerdì 1 giugno. Portogruaro. Camorra, sequestrati 18 immobili. Confiscati appartamenti, garage, una villa e un negozio riconducibili a un “uomo dei Casalesi”. Una villa, un garage, un’area urbana destinata a parcheggi a Jesolo; un negozio, un appartamento e un garage a San Donà; otto garage e quattro appartamenti a Portogruaro.
       Osservazione n. 1: La camorra esiste anche nel portogruarese;
       Osservazione n. 2: La camorra investe sul mattone;
       Osservazione n. 3: La camorra usa dei prestanome locali che appunto si prestano;
       Osservazione n. 4: La camorra è presente nel quartiere di Portogruaro, via Croce Rossa, che presenta gravi problemi.
Ho pensato di dare più spazio a questa notizia perché è molto grave. Mi auguro che tutto ciò non sia dimenticato e vorrei perlomeno che il patrimonio confiscato sia usato per i cittadini in gravi difficoltà. Senza voto.

Martedì 12 giugno. Portogruaro. Tassa rifiuti, evasori raddoppiati. Nelle casse dell’Asvo mancano 140mila euro: c’è chi non paga nemmeno dopo i solleciti. Più che raddoppiati in cinque anni il numero di utenti che, al ricevimento della bolletta, non riesce a pagare il trasporto dei rifiuti: lo fanno con pagamenti dilazionati nel tempo o non pagano affatto. Considerato che le evasioni sono raddoppiate e vengono da lontano, riuscirete a fermare gli evasori oppure devo continuare a sentirmi un “mona” ? Voto 5,5 di speranza.

Mercoledì 13 giugno. Portogruaro. Cassa integrazione al Carrefour e Schlecker. Portogruaro, nuovo allarme occupazione lanciato dalla Cgil del Veneto Orientale. Alla vigilia dell’assemblea del sindacato sui problemi del lavoro, giovedì a San Stino in sala consiliare, il segretario territoriale Alessandro Zanotto si sofferma anche sul fallimento della catena Schlecker che potrebbe costare un centinaio di dipendenti tra portogruarese e sandonatese. Abbiamo stravolto un territorio per creare posti lavoro in centri commerciali. Persi i posti rimangono i disastri ambientali. Voto 4.

Giovedì 14 giugno. Portogruaro. E’ morto a 87 anni Aldo Sottil, storico oste di Portogruaro. E’ deceduto martedì sera, nella residenza per anziani Santa Margherita di Villanova di Fossalta, all’età di 87 anni. Grave perdita per il tessuto economico e la cultura di Portogruaro. È stato per anni il gestore di Al Bacaro, antico bar di Portogruaro, in corso Martiri. Una notizia che riprendo per ricordare una persona gentile.

Sabato 16 giugno. Portogruaro. A rischio dieci corse di treni regionali per Venezia e Udine. La soppressione dei convogli potrebbe diventare necessaria se venissero meno i trasferimenti dello Stato alle regioni Friuli e Veneto. L’allarme è stato lanciato ieri in due diverse occasioni: a Trieste, nel corso di un convegno della Cisl, da parte dei vertici locali di Trenitalia e a Roma dall’a.d. Moretti che ha incontrato l’assessore friulano ai trasporti Riccardi. Riccardi è anche il Commissario per la costruzione della terza corsia della A4. Secondo voi Riccardi si impegnerà a sviluppare la rete ferroviaria? NO! Un cul e do careghe. Voto 3.

Filed under: | | No Comments

Un consigliere a tutto gas

9 marzo 2012
Pubblicato da Adriano Zanon

Un legittimo cattivo pensiero

Abbastanza inusuale il Consiglio comunale di mercoledì 7 marzo, con poche scaramucce e tanti ordini del giorno approvati all’unanimità. Verso la fine del Consiglio però, l’assessore Ivo Simonella, nostro amico, rivolgendosi al Consigliere Mazzon – che in riferimento all’articolo della variante al Piano Regolatore che intende regolamentare meglio gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili continuava a ripetere “legalità, legalità” – ha ricordato un fatto verificatosi a fine 2010 e segnalato al consigliere Mazzon stesso come in quell’occasione il suo comportamento fosse stato almeno poco opportuno.

Abbiamo chiesto al “nostro” assessore di spiegarci bene a cosa facesse riferimento. Ecco la risposta.

“L’8 novembre 2010 la nostra consigliera Patrizia Daneluzzo presentò in Consiglio un ordine del giorno che chiedeva alla Regione di dichiarare una moratoria per le centrali a biomasse. L’odg fu ritirato in quanto l’opposizione era disponibile a lavorare per modificare il testo e cercare una posizione unitaria. Ci furono più scambi di opinione, in particolare col consigliere Gianmarco Corlianò, e si era trovata una formulazione che sembrava potesse andare bene a tutti. Ci furono anche due commissioni consiliari che affrontarono l’argomento. Il consigliere Mazzon si diede molto da fare invece per fare in modo che l’accordo non si trovasse e così in effetti fu. Il 20 dicembre solo la maggioranza approvò l’ordine del giorno rivisto. Cosa si è scoperto dopo? Il consigliere ingegner Mazzon almeno da giugno 2010 stava progettando la centrale a biogas Nuova Annia di Lugugnana (il tutto è ampiamente documentato nel progetto della centrale pervenuto in comune a inizio 2011 poche settimane dopo). A mio avviso lealtà avrebbe voluto che il Consigliere si astenesse dall’occuparsi dell’ordine del giorno, visto il chiaro conflitto di interessi.”

Così ci viene senza grande fatica di pensar male: il rinnovato impegno del consigliere contro una norma che vorrebbe fornire al Comune maggiori elementi per controllare il proliferare delle centrali a biomasse che sia legato a un nuovo progetto di centrale a biogas in arrivo? Speremo de no.

Tags:
Filed under: | | No Comments

Un (fine) mese di cattivi pensieri – Gennaio 2012

12 febbraio 2012
Pubblicato da Ermes Drigo

Tra crisi, magie e tiri alla fune

Lunedì 23 Gennaio. Pramaggiore. E anche sulla casèra, maroniani e circolo magico si dividono al grido «salviamo il calcio, associazione benemerita». Il leader leghista Daniele Stival (area Maroni) si scaglia contro Leandro Schileo, l’altro leader del Carroccio di Pramaggiore (area Circolo magico), assessore e presidente della Pro Loco. Ho tralasciato il resto dell’interessante articolo che il bravo Marcon è riuscito a scrivere per farvi notare il nome dei sostenitori di Bossi (una volta si chiamava corrente): Circolo magico. Ecco il segreto della forza della lega: la magia. Bravissimi voto 7.

Martedì 24 Gennaio. Portogruaro. Nubi sulla Schlecker. La casa madre tedesca prossima alla richiesta di insolvenza. La richiesta dichiarazione di insolvenza nei confronti di Schlecker desta forti preoccupazioni a Portogruaro, sede della direzione di tutti i punti vendita. Il gigante del mercato europeo delle drogherie manca infatti di liquidità e spera di ottenere respiro dai creditori. L’azienda, che nel 2010 ha accusato una flessione delle vendite di 650 milioni di euro, ha annunciato un piano di ristrutturazione. Se anche i tedeschi sono insolventi allora è proprio brutta. Voto 5 di incoraggiamento.

Mercoledì 25 Gennaio. Portogruaro.  Ormai è scontro aperto sul Piano provinciale delle opere pubbliche. La notizia del mancato accoglimento da parte della giunta provinciale delle osservazioni del Comune di Portogruaro al Piano delle opere pubbliche ha aperto, com’era prevedibile, la polemica politica. Il sindaco, Antonio Bertoncello, ha attribuito le responsabilità di questa decisione ai consiglieri provinciali eletti nel Portogruarese, che non avrebbero lavorato per gli interessi del territorio. Il sindaco – ha replicato il consigliere Corlianò – sta tirando talmente tanto la corda che ora rischia di spezzarsi. In questi anni Portogruaro è stata senza dubbio privilegiata dalla Provincia rispetto ad altri. Nel 2012, ad esempio, verrà completata la ristrutturazione del Plesso B del Nievo ed entro due anni la città avrà tutti gli istituti scolastici superiori con il Certificato di prevenzione incendi. Suvvia Bertoncello, non tiri troppo la corda. Ma non comprendo il significato. Voto 3 al nostro consigliere comunale/provinciale. Nel 2014 vedremo.

Venerdì 27 Gennaio. Cinto Caomaggiore. Alla Bpt è iniziata la “cura” della Came Group: cassa integrazione a zero ore per 25 dipendenti e, a seguire, a rotazione per tutti gli altri dipendenti. 130 sono i dipendenti del sito di Cinto (90 operai e 40 impiegati) e 90 quelli di Sesto al Reghena (85 impiegati e 5 operai). Ho conosciuto Plozner, il signore geniale che inventò l’accendino piezoelettrico ‘Flint’ e tanto altro. Voto 4- a tutti quelli che non sono riusciti a portare avanti i Brevetti Plozner Torino.

Sabato 28 Gennaio. Portogruaro. Spariti 166 treni in venti giorni: la rabbia dei tanti pendolari. Nei primi giorni dell’anno quasi 200 corse soppresse sulla linea ferroviaria Portogruaro-Casarsa, la linea ferroviaria che collega il Veneto orientale alla provincia di Pordenone, linea sempre più abbandonata a se stessa. Non c’è niente da fare; siamo incastrati fra le automobili, respiriamo un’aria micidiale, ma nonostante tutto ciò i treni vengono soppressi. Ma dove sono i nostri politici, il nostro super assessore regionale ai trasporti? Probabilmente in automobile. Voto 3.

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Ottobre 2011

25 ottobre 2011
Pubblicato da Ermes Drigo
Un brutto mese…

Martedì 11 ottobre. Portogruaro. Ho assistito ad un incontro per il prossimo PAT. Giusti gli obiettivi, proposte zero. Voto 5.

Mi ripeto: il PAT deve permettere la qualità della vita dei propri residenti, favorire il diritto di abitare, prevedere il contenimento dei volumi (cubi) e spronare alla costruzione di  una edilizia efficiente. In altre parole, il PAT di Portogruaro deve essere “sostenibile”. Deve favorire il  minor consumo di energia, il minor transito dei mezzi privati, la minor produzione di rifiuti, il minor consumo di acqua e – soprattutto – lo stop al consumo del suolo. Per ottenere tutto ciò bisogna innanzitutto immettere nel mercato gli appartamenti vuoti, calmierare i prezzi degli immobili in vendita ed in affitto, recuperare gli edifici esistenti, completare la edificazione dove già esistono le infrastrutture, edificare i volumi già previsti nel PRG e attuare, completandoli, tutti i piani attuativi (PUA,Pdl, PIP e simili) in corso o da iniziare; solo dopo potremmo discutere su eventuali nuove aree edificabili. Semplice.

Mercoledì 12 ottobre. Al distretto sanitario di Caorle, garze e siringhe col contagocce. Troppi disservizi al Distretto sanitario, così il sindaco di Caorle scrive una lettera al direttore generale dell’Asl 10 per richiamare l’attenzione sui problemi della struttura. Il problema lamentato da numerosi caorlotti e turisti è quello dell’assenza di adeguate attrezzature mediche e di ausili medico-sanitari all’interno del Punto di Primo Intervento. Scarseggiano, insomma, provette, siringhe, garze, tutori. Altro che nuovo ospedale. Ci stanno rubando la sanità pubblica. BASTA! Andate a casa se non siete in grado di far funzionare i servizi. Male, voto 1-.

Giovedì 13 ottobre. Portogruaro. Pendolari esasperati: convogli “spariti” per oltre due ore. Per tutti i pendolari che domenica si trovavano nella stazione di Portogruaro è stato un pomeriggio da incubo. «Per due ore – ha riferito Denis Marson di Noventa di Piave, addetto alla sicurezza per un’agenzia che opera tra Portogruaro, Jesolo e Venezia – non è più partito alcun treno. La biglietteria della stazione è stata chiusa, nessuno era in grado di darci informazioni. C’è chi diceva che i ritardi erano dovuti ad un incendio, chi a un suicidio, chi ancora a proteste degli studenti sui binari. Alle 19.30 – ha aggiunto – c’erano 50 persone in fila alla biglietteria automatica che ad un centro punto è andata in tilt e non erogava più il resto. L’unico sistema di pagamento possibile era la carta di credito. Altro che alta velocità. Velocità zero, anzi treni zero. BASTA! Andate a casa se non siete in grado di far funzionare i servizi. Male, voto 1-.

Venerdì 14 ottobre. Portogruaro. Unico ospedale super-specializzato. Il presidente dell’assemblea dei sindaci Tamai è favorevole ad un unico ospedale e a due servizi di Pronto Soccorso a Portogruaro e San Donà. L’assessore regionale Stival dichiara che al momento mancano i soldi anche per i progetti. Insomma l’ospedale unico è al verde. Anzi, siamo un paese al verde, ma chi ci amministra pensa sempre alle grandi opere. E intanto mancano le garze. Inoltre, pensare di ridurre l’ospedale di Portogruaro ad un pronto soccorso mi pare deprimente. Male, ancora 1-.

Venerdì 14 ottobre. Portogruaro. La Pansac ha pagato tutti, tranne i lavoratori di Portogruaro. Ci avevano garantito – ha detto Camuccio – che questi soldi sarebbero stati versati il 10 ottobre, ma ad oggi i lavoratori non hanno visto il becco di un quattrino. Ci chiediamo com’è possibile che tutti i lavoratori del gruppo abbiano ricevuto i propri stipendi e i lavoratori di Portogruaro siano gli unici a non essere stati pagati. È una vergogna. L’aggravante di questa situazione sta nel fatto che i lavoratori da quattro mesi non percepiscono lo stipendio e sono ormai alla disperazione. Probabilmente, per essere un importante imprenditore italiano bisogna anche essere presidente di una società di calcio. Basta con i ladri, pagate i lavoratori! Male, 1-.

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Giugno 2011

30 giugno 2011
Pubblicato da Ermes Drigo

C’è la crisi ma non si può vedere in tv

Domenica 19 giugno. Portogruaro. Per il digitale terrestre che in alcune parti d’Italia, come il Veneto orientale, non si riceve o si riceve tra mille difficoltà, l’Antitrust ha avviato un’istruttoria nei confronti della Rai per “informazioni inesistenti o addirittura ingannevoli sulla copertura del segnale televisivo digitale”. «Finalmente interviene anche l’Antitrust» – commenta Gianfranco Battiston, presidente del Comitato per i disagi causati dal passaggio al digitale terrestre nel Nordest. Non capisco molto di frequenze ma mi pare che questo passaggio sia stato fatto frettolosamente e a favore di qualche specifica televisione. Di chi? Di quelle che si vedono ovviamente. Ahi! Voto 2 al Ministero dell’economia.

Martedì 21 giugno. Portogruaro. Sigilli alla discarica abusiva di via Noiare. Durava da tempo l’indagine condotta dalla Polizia Provinciale che ha portato solo pochi giorni fa al sequestro di un deposito edile abusivo a Summaga. I sigilli posti dagli uomini del Nucleo Ambientale interessano un’area di circa 20 mila metri quadrati in via Noiare, zona tra l’altro soggetta a vincolo ambientale. Grazie alla polizia provinciale. Bravi voto 7.

Mercoledì 22 giugno. Portogruaro. L’area industriale tra Portogruaro e Fossalta è pressoché inutilizzata. Il presidente di Polins vuole conoscere i piani di sviluppo: «Pirelli Re ci dica come intende rilanciare l’Eastgate Park». L’area fu acquistata nel 2005. Il progetto di riconversione prevedeva la realizzazione di un comparto manifatturiero, con spazi per la media e la grande impresa, un comparto logistico e una zona per l’artigianato. Siamo certi che il portogruarese ha bisogno di un parco industriale integrato con la presenza di un forte comparto logistico fortemente impattante e a bassa occupazione? Io penso proprio di no. Perché insistere? E la green economy? Male, voto 3.

Mercoledì 22 giugno. Portogruaro. È fissata per domani l’udienza pubblica al Tar per la discussione del ricorso presentato contro la centrale a biomassa in fase di ultimazione nel Pip di Noiari, a Summaga. «Il Comitato No Cereal Docks – spiega Renato Vivan – ha presentato al Tar un ricorso a sostegno di quello del Comune, chiedendo l’annullamento dell’autorizzazione alla collocazione della centrale elettrica.» Forse conviene fare una dimostrazione contro il comune di Fossalta di Portogruaro. Geniale vero? Voto 3 ai comitati che hanno deciso di dimostrare il proprio dissenso per la centrale di Fossalta con azioni da compiere in piazza a Portogruaro.

Giovedì 23 giugno. Portogruaro. Nel 2012 il via ai lavori di restauro del plesso B dell’ex Nievo. La Provincia ha approvato, su proposta dell’assessore all’edilizia scolastica Giacomo Gasparotto, uno stanziamento di 1 milione e 50 mila euro per il secondo e terzo lotto dei restauri degli edifici utilizzati dal liceo classico-scientifico “25 Aprile”. Bravi, possiamo sperare questa volta di vedere la targhetta dell’efficienza energetica applicata all’ingresso dell’edificio? A proposito, quanto consuma l’edificio della Polizia di Stato ultimamente recuperato sempre dalla Provincia? Non bene. Voto 5+ d’incoraggiamento.

Sabato 25 giugno. Cinto Caomaggiore. Appena ufficializzata la cessata attività della Dexion (65 dipendenti), è entrata in crisi anche la BPT (230 dipendenti) che ha messo in cassa integrazione per due giorni la settimana, fino alla fine dell’anno, tutti i lavoratori del gruppo, operai e impiegati. Per fortuna che la crisi è passata. Male, voto 1-.

Filed under: | | 3 Comments »

Un mese di cattivi pensieri – Maggio 2011

31 maggio 2011
Pubblicato da Ermes Drigo

Partiti di lotta e di governo

Venerdì 29 aprile. Gianmarco Corlianò (Pdl): «Inaccettabile concentrare Ostetricia e Pediatria a San Donà». Chi parla è capogruppo del Pdl in Provincia e lo fa dopo la decisione dell’Asl 5 “Bassa Friulana” di potenziare il servizio di pediatria con l’attivazione del servizio di guardia medica pediatrica, auspicando una revisione della proposta di riorganizzazione da parte della direzione dell’Asl 10.
Ma c’è differenza fra un auspicio e una delibera. PdL di lotta e di governo. Voto 3-.

Mercoledì 11 maggio. A giugno sarà varato il nuovo Piano socio-sanitario regionale basato sull’ospedale unico per il Veneto Orientale, in sintonia con il criterio che l’ospedale ideale è dimensionato su 200mila abitanti: le strutture ospedaliere esistenti saranno riconvertite in punti di pronto soccorso con attrezzature tecnologiche d’avanguardia e la presenza di aree specializzate per la riabilitazione». «Sono costretto a ricordare a Bertoncello – replica Stival – che il nuovo Piano socio sanitario regionale arriva dopo 16 anni e a un anno dall’inizio della gestione Zaia.» Costretto a ricordare che il nuovo Piano sanitario regionale (governata da PDL e Lega) arriva dopo 16 anni. Lega di lotta e di governo. Voto 2 per non fare torto a Gianmarco.

Giovedì 12 maggio. «Tav inutile, dannosa e fortemente impattante per il territorio, che ne sarà devastato». Non usa mezze misure il senatore del Pdl, Paolo Scarpa Bonazza, nel definire l’Alta Velocità, opera che dovrebbe attraversare anche il Veneto Orientale e sulla quale c’è un ampio dibattito in corso. «Il Veneto Orientale – ha detto il parlamentare – può competere solo puntando sul suo ambiente, sulla sua storia e sulle sue eccellenze. Che senso avrebbe lavorare su questo se poi tutto dovesse essere rovinato con una ferrovia che non serve a niente. Che senso ha – ha aggiunto – dilapidare 5 miliardi di euro dei contribuenti italiani per fare una Tav che si ferma a Gorizia, visto che la Slovenia nemmeno la vuole?». Per l’onorevole Scarpa le risorse a disposizione potrebbero essere meglio impiegate investendo sulla modernizzazione dell’attuale rete stradale e delle linee ferroviarie esistenti e sulla realizzazione della metropolitana di superficie, opera che si presta meglio a collegare le località balneari. «Vi immaginate – ha aggiunto – un Veneto Orientale, delicata area di bonifica con problemi di subsidenza che ospita i pregiati vigneti Doc, attraversata da una rotaia che viaggia a dieci metri di altezza? È follia pura. Il futuro e il progresso di questo territorio – ha concluso – sono legati all’utilizzazione, alla promozione e alla valorizzazione massima delle denominazioni d’origine». Bravo Senatore, finalmente parole chiari e comprensibli. Peccato che faccia parte della maggioranza…O sbaglio?Pdl di lotta e di governo. Non valutabile.

Giovedì 12 maggio. «O ci danno l’assessore oppure la Lega Nord farà le sue valutazioni.» Daniele Stival non transige sulla richiesta avanzata al sindaco Igor Visentin di avere un rappresentante del carroccio all’interno della Giunta comunale non sentendosi più rappresentato da Leandro Schileo. «Sono tre anni – spiega Stival – che Schileo non risponde più a noi ma si rapporta solo con Visentin. Con la richiesta di un rappresentante della Lega Nord in Giunta noi poniamo un problema politico.» Finalmente la Lega si pone dei problemi importanti per il paese. Careghe. Male, sempre voto 2.

Domenica 15 maggio. Tutti la chiedono, ma ad ottenere l’assegnazione di posti letto per le casa di riposo al momento sono solo Cinto Caomaggiore e Jesolo: 60 posti letto ad entrambi, che aggiunti ai 30 assegnati in precedenza possono finalmente costruire una struttura di 90 posti, considerato il numero minimo per sostenersi e “fare business”. «È ora di finirla con i criteri di vicinanza politica.» – ha tuonato Camillo Paludetto, sindaco leghista di Torre di Mosto- «È necessario guardare invece alla qualità dell’opera e decidere in base a questa». Con il concetto di vicinanza politica, chiudo. E’ stata una settimana difficile. Lotta o governo? Voto 0.

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Marzo 2011

29 marzo 2011
Pubblicato da Ermes Drigo

Domenica 20 marzo. Portogruaro. Meno strade, più soldi per i canali. Daniele Stival, assessore regionale alla Protezione civile, dopo l’ennesima intensa precipitazione che ha mandato sott’acqua il Veneto Orientale, traccia la via dei prossimi investimenti regionali. «Basta con rotatorie e nuove strade: ora non ci sono più soldi, ma i prossimi che arriveranno dovranno essere investiti nella salvaguardia idraulica del territorio». Cosa gà dito Stival? Chi? Quel dela Lega? Si. Meno strade? Ma va in mona ciò. Non so cossa dir.  Voto – 1. 

Domenica 20 marzo. Portogruaro. Il digitale? Nelle mani di Zaia. «Basterebbe che Zaia alzasse la cornetta del telefono per reclamare come ente concorrente alla diffusione televisiva quanto ha deciso il Parlamento e anche nel Veneto Orientale le reti Rai potrebbero essere visibili con il digitale terrestre». Putroppo non ci sono più le cornette. Voto 5-. 

Lunedì 21 marzo. Jesolo. La mancanza di fondi per stampare i listini prezzi degli alberghi non è una novità. Parole di Amorino De Zotti, consigliere comunale ma anche ex presidente dell’Ambito turistico di Jesolo. «Il cambio al vertice dell’Ambito – conclude De Zotti – è stato motivato con la necessità di creare una filiera politica leghista tra tutte le istituzioni.» Ecco un esempio di filiera corta. Malissimo, voto 2.

 Lunedì 21 marzo. San Michele al Tagliamento. Rifondazione comunista si prepara alle elezioni comunali a San Michele. Il circolo ‘Dal Lemene al Tagliamento’ ha infatti inviato alla popolazione un volantino con cui comunica la volontà di partecipare alle amministrative di maggio. Mi ricorda qualcosa. Senza voto. 

Martedì 22 marzo. Portogruaro. Insegnanti e personale Ata del II Circolo hanno sottoscritto un documento con il quale prendono le distanze dalle dichiarazioni di Berlusconi sulla scuola pubblica, che inculcherebbe «principi diversi da quelli che vengono trasmessi nelle famiglie». “Ingiuste le accuse del presidente del Consiglio. La nostra categoria svolge una delicata funzione sociale a fronte di retribuzioni vergognose.” Berlusconi vuole chiude la scuola pubblica. Resistere. Voto 10 a chi ancora e nonostante tutto, continua a lavorare seriamente e con impegno nella scuola pubblica. 

Mercoledì 23 marzo. Portogruaro. Su Raidue la torre pendente di Portogruaro. È stato mandato in onda ieri il servizio sulla torre civica campanaria del Duomo di Sant’Andrea. Nel servizio è stato illustrato il progetto di consolidamento delle fondamenta, il cui costo si aggira sul milione e 400 mila euro. Soldi che il Comune ha chiesto al Ministero, alla Regione e alla Soprintendenza. Secondo voi, chi di questi tre enti tirerà fuori i soldi? Nessuno, pagherà il Comune. Male, voto 3. 

Giovedì 24 marzo. Portogruaro. Casa per anziani all’ex ospedale. Mancano i fondi: l’Asl 10 accantona il progetto di “cittadella sanitaria”. Allarme dei Centri per i diritti del malato del territorio: «Così saltano gli accordi». Sento puzza di trasferimenti di soldi a San Donà. Grazie Lega. Male, voto 4- alla Regione Veneto per le sue scelte sanitarie.

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Febbraio 2011

1 marzo 2011
Pubblicato da Ermes Drigo

Martedì 22 febbraio. Portogruaro. Centrali a biomasse, i comitati all’attacco. “I tre inceneritori di biomasse di Summaga, Lugugnana e Villanova di Fossalta, ogni anno, emetteranno in atmosfera la bellezza di quasi 1,5 miliardi di metri cubi di fumi.” Un territorio di conquista per grandi affari sulle spalle della salute dei cittadini. Male, voto 4- alla Regione che li approva. Bravo, voto 8 al comitato.

Martedì 22 febbraio. Portogruaro. I sindacati denunciano il mancato rispetto degli accordi da parte dell’azienda Nuova Pansac “sorvegliata” dagli operai. Presidio permanente dei lavoratori in fabbrica,  temono che lo stabilimento venga svuotato di materie prime e linee produttive. Una storia di capitalismo imperfetto. Forza sindacati, voto 8+.

Martedì 22 febbraio. Portogruaro. “Le nostre posizioni sulla Tav non sono solo le posizioni ufficiali del Pdl in Provincia di Venezia, ma coincidono con quelle della Lega Nord.” Secca replica del consigliere comunale Gianmarco Corlianò alle dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dal rappresentante del Carroccio Alessandro Florean sulla mancanza di un interlocutore chiaro all’interno del Popolo della libertà, che si è diviso sull’ordine del giorno relativo al tracciato della Tav. Caro Gianmarco è difficile avere una posizione sulla Tav, immagina averla coincidente con tanti altri. Insufficiente, voto 5.

Lunedì 21 febbraio. Portogruaro e Rovigo sono le prime “città gentili” d’Italia. Ospiteranno i primi due centri-pilota rivolti al consolidamento di una rete di azioni e di prevenzione e contrasto alla violenza di genere. Brave ragazze, voto 9.

Sabato 19 febbraio. Caorle. «Ero stanco, ma i cittadini mi hanno convinto a restare.» Dimissioni revocate: Sarto resterà sindaco sino al 2012. La decisione del primo cittadino è stata annunciata ieri mattina nel corso di una conferenza stampa. Una minaccia terribile per Caorle; essere senza sindaco o essere amministrati da un sindaco stanco. Tutto risolto, evviva. Arance per il sindaco. Voto 5 a Sarto.

Venerdì 18 febbraio. Portogruaro.  I dati sulla qualità dell’ambiente verranno pubblicati su internet. «L’amministrazione – ha detto l’assessore alle Politiche ambientali, Ivo Simonella – ha da tempo attivato iniziative di controllo e monitoraggio ambientale.» Bravo Ivo, brava amministrazione. Ora però  tocca ai SIT, voto 7.

Venerdì 18 febbraio. San Stino. Alta velocità inutile: non porta sviluppo. «Né alta né bassa, ne lungo l’autostrada o la ferrovia né su territorio di bonifica: la Tav è inutile e disperde risorse che potrebbero essere meglio utilizzate per realizzare servizi pubblici, a cominciare dalla stessa metropolitana di superficie (Sfmr)». Così Stefano Babbo, portavoce del gruppo «No Tav» del Veneto Orientale spiega le ragioni della battaglia contro l’infrastruttura il cui progetto fa tanto discutere. D’accordo, nessun tracciato. Voto 8.

Filed under: | | No Comments

Un mese di cattivi pensieri – Gennaio 2011

3 febbraio 2011
Pubblicato da Ermes Drigo

Giovedì 20 gennaio. Portogruaro. Centrale energetica di Lugugnana, convocata la conferenza di servizio. La direzione regionale Agroambiente ha convocato per il 26 gennaio la Conferenza di servizio per il rilascio dell’autorizzazione di una centrale energetica a Lugugnana. Ora le centrali  si chiamano genericamente, energetiche.  Cosa sono? Basta! Ci vuole il piano regionale energetico. Malissimo, 3- alla Regione Veneto

Venerdì 21 gennaio. Tir si schianta in A4 a Fossalta di Portogruaro, caos per gran parte della giornata in autostrada. Momenti di tensione ieri mattina, verso le otto, per l’incidente che ha coinvolto un’autocisterna che è finita lungo il fossato che costeggia l’A4. Era forte infatti la preoccupazione per il carico di xilene dell’autoarticolato. Una sostanza chimica, altamente infiammabile, usata solitamente come solvente e pericolosa per l’uomo se inalata in discrete quantità. Non solo traffico, rumore inquinamento ma anche grandi rischi. Si al piano contro i rischi derivanti dal traffico in autostrada. Malissimo, 4 alle Autovie Venete

Sabato 22 gennaio. Digitale ko anche a San Donà. Spariti molti canali come La7, Mediaset, oltre a Rai2 e Rai3 È ulteriormente peggiorata la qualità del digitale terrestre. E in tutto il Veneto Orientale: in questi ultimi giorni oltre che nel Portogruarese anche nel Sandonatese la qualità del segnale è diventata pessima. Una tragedia, per fortuna senza confini politici. Non solo nel territorio del centro sinistra ma anche nel centrodestra. Insufficiente comunque la gestione del passaggio al digitale, frettolosa e portatrice di grandi interessi per pochi.  Voto 5-

Sabato 22 gennaio. Jesolo. Calzavara: «Piano dell’Ulss per rilanciare l’ospedale di Jesolo». Sindaco, associazioni di categoria e comitati di cittadini hanno incontrato i vertici dell’Ulss 10 Veneto Orientale per fare il punto della situazione sulla riorganizzazione sanitaria. «È importante – conclude Calzavara – prendere atto che il piano di riorganizzazione presentato dall’Ulss 10 mira ad un rilancio e ad una valorizzazione della struttura sanitaria di Jesolo non alla chiusura». E l’ospedale di Portogruaro? Forza Lega! Voto 2

Sabato 22 gennaio. Super stangata sull’acqua potabile. In un colpo solo, la tariffa è aumentata del 20 per cento a partire dal 1° gennaio.  L’assemblea unanime dei 26 sindaci dell’Ato interregionale del Lemene, cui fanno parte anche gli 11 sindaci del Portogruarese, hanno deciso di aumentare le tariffe di 21 centesimi al metro cubo, passando da 1,12 a 1,33 euro al metro cubo, in cui oltre all’acqua potabile sono compresi i costi della fognatura e della depurazione. Meno spreco e acqua pubblica. Avanti. Coraggio. Voto 6

Domenica 23 gennaio. Portogruaro. Prelievi solo negli ospedali. L’Asl 10 ha tagliato i fondi. Gli unici punti prelievo del Veneto Orientale considerati “servizi essenziali” dall’Asl 10 sono quelli dei tre ospedali pubblici, del laboratorio della Casa di cura Rizzola e di Caorle con l’associato punto prelievi di San Stino.  Nella sua lettera la Chinellato, per spiegare i tagli dei servizi, scrive della «necessità dell’Azienda di garantire efficienza nell’utilizzo delle risorse economiche disponibili a favore del territorio, per attività prioritarie e per attività rivolte alla popolazione più fragile». Bravi, vedi sopra. Ripeto il voto 2

Domenica 23 gennaio. Portogruaro. Commissioni riunite per esaminare il progetto di Italferr. «Tav, bisogna accelerare». Il sindaco Bertoncello accusa la Regione e la Provincia. Bravo Sindaco, acceleriamo, altrimenti che alta velocità sarebbe? Senza voto

Filed under: | | No Comments
Pagina successiva »