La Città Futura

il progetto rossoverde per Portogruaro
 

La nostra città futura

1 gennaio 2016
Pubblicato da La Città Futura

Torniamo dopo quasi sei mesi di oscuramento e¬†con il recupero parziale dell’archivio e della funzionalit√†¬†di questo sito nato nel 2009.

Sono passati¬†sei mesi per molti versi importanti per la comunit√† di Portogruaro. Dopo oltre vent’anni di amministrazioni di centrosinistra e dentro una crisi economica, sociale, morale, lunga pi√Ļ della seconda guerra mondiale,¬†per la convergenza di molteplici fattori siamo usciti dalle elezioni di met√† 2015¬†con una maggioranza che ha¬†gi√† ribadito con abbondanza i soliti schemi¬†delle destre, da quelli storici¬†a quelli pi√Ļ recenti. Per questo non ci meravigliano n√© la mancanza di una¬†strategia dichiarata, ovvero¬†l’improvvisazione, n√© il¬†cinismo, ben dimostrati nella gestione estiva dei profughi o nella modifica della viabilit√† nel centro storico, nella linea verso la¬†citt√† metropolitana o nell’interruzione del servizio del¬†giudice di pace. Anzi. Pensiamo piuttosto che¬†questo sia stato solo l’inizio, pur tanto penoso.

Ma se – viste le premesse – siamo pronti al peggio,¬†non per questo siamo solo pessimisti, realisti s√¨, ma non catastrofisti e neppure solo in difesa.¬†La maggioranza locale, come le destre nazionali, anzi come tutte¬†le organizzazioni politiche nazionali,¬†sono dentro un processo¬†di metamorfosi che non si sa a cosa approder√†. In particolare, nelle destre portogruaresi, la¬†mancanza di¬†leadeadership e di idee rafforza la¬†necessit√† di agganci esterni, da ci√≤ la¬†pesante subordinazione della Giunta Senatore alla linea Zaia. Ma i tempi della propaganda pura e di facciata sono finiti.¬†Per avere reali consensi da buona parte della comunit√† e non solo da¬†alcuni piccoli segmenti sociali ed economici, non baster√† d’ora in avanti avere¬†l’appoggio¬†di gruppetti consiliari¬†che cercheranno a loro volta di far leva sulla gestione del potere amministrativo. Nessuna forza politica portogruarese potr√† infatti ignorare i nodi reali, strutturali, che andranno affrontati e tagliati¬†con¬†azioni forti e condivise, quindi con una dialettica pubblica, che √® l’opposto di quanto intravvisto in questi ultimi mesi.

Su questioni come la crisi ambientale globale,¬†quindi anche locale, l’inquinamento atmosferico della pianura padana, quindi¬†anche locale, il rischio idraulico locale, del tutto attuale, la caduta di alcuni servizi come quello sanitario, quello dei trasporti pubblici, sulla necessit√† di integrazione e solidariet√† tra le parti sociali in una prospettiva di costruzione della pace e non del mantenimento dello stato di guerra che perdura ormai da¬†un secolo, sulla fondamentale necessit√† di ripensare le relazioni e i comportamenti individuali dell’attuale societ√† dei consumi,¬†su¬†tali questioni¬†noi rossoverdi abbiamo detto e abbiamo ancora qualcosa da dire.

Cos√¨, all’inizio di novembre abbiamo condotto un battaglia contro il parcheggio di via Valle deliberato dalla Giunta Senatore. Una violenza al poco verde rimasto dentro il sito urbano del nostro capoluogo. Abbiamo raccolto, insieme ad altri,¬†oltre mille firme contro questo parcheggio e manterremo viva la nostra iniziativa.

Poi abbiamo lavorato per spiegare a tutti i cittadini portogruaresi ed oltre il ruolo e l’importanza del mantenimento ed anzi del rafforzamento del Giudice di Pace. Con la votazione a maggioranza del Consiglio comunale del 28 dicembre ora sappiamo che lo abbiamo temporaneamente perso, ma non la consideriamo di certo una battaglia finita qui.

Adesso sappiamo invece che riprenderemo¬†tutto il nostro discorso anche con l’aiuto di questo sito o di uno nuovo e con altre¬†forme che¬†valuteremo insieme. S√¨, insieme, perch√© abbiamo sempre pi√Ļ bisogno di allargare la partecipazione e l’iniziativa. Chi ci conosce almeno¬†un po’ sa che siamo¬†intransigenti sui principi di uguaglianza, laicit√†¬†e solidariet√†, ma che pensiamo la partecipazione come passione e gioia, per uno stile di vita attuale e necessario per¬†costruire e vivere la citt√† futura.

Tags:
Filed under: | | No Comments

La bicicletta rimane in pista

15 luglio 2015
Pubblicato da La Città Futura

Ad un mese dal ballottaggio e con la prima seduta del Consiglio Comunale siamo entrati in una nuova fase della vita politica portogruarese, una fase densa di novità ma secondo noi soprattutto di rischi. La vittoria di Maria Teresa Senatore, frutto della raccolta di consensi organizzati attorno ad interessi di vario tipo, ma senza un vero progetto per il futuro della città e della comunità, lascerà ben presto sorpresi e delusi molti cittadini che hanno dato il loro voto contro, piuttosto che per qualcosa.

Noi rossoverdi abbiamo analizzato il¬†voto che contiene anche il nostro deludente risultato elettorale. Conosciamo bene i nostri limiti attuali, confermati anche dal voto dopo¬†una campagna elettorale peraltro affrontata con mezzi risicati e senza strappi propagandistici. Ma sappiamo che anche stavolta abbiamo seminato molto di pi√Ļ di quanto abbiamo raccolto e che¬†il contenuto dei nostri progetti non verr√†¬†cancellato¬†tanto facilmente dall’agenda politica portogruarese.

Ora siamo senza alcun consigliere comunale, ruolo che non possiamo ovviamente delegare a chi √® stato eletto in un‚Äôaltra lista, seppur alleata nelle ultime elezioni, ma non staremo in riva al Lemene in attesa del cadavere del nemico. Abbiamo gi√† avuto in questi mesi¬†l’inserimento e l’avvicinamento di nuove forze, di giovani leve determinate a¬†continuare e rinnovare la nostra battaglia. Con la calma e la¬†determinazione necessarie¬†ci daremo la forma e gli strumenti per essere pi√Ļ presenti ed attivi, aperti ed inclusivi, critici e liberi.

Noi rossoverdi non abbiamo niente da perdere e lavoriamo sempre nella comunità. Perciò sapremo rinnovare le nostre energie, sia fuori che in relazione a quanto accade nel Consiglio Comunale, pronti ad ogni momento di partecipazione civile e politica. E chiediamo di darci una mano a tutti quei cittadini che pensano di essere vicini ai nostri temi.

Tags: ,
Filed under: | | No Comments

Grazie ai nostri elettori!

2 giugno 2015
Pubblicato da La Città Futura

Alle elezioni municipali del 31 maggio la Lista Rosso Verde La Citt√† Futura ha raccolto 417 voti, il 3,5%. E’ un dato in flessione sul 2010 (570 voti e 4,2%), ma del tutto comprensibile con la diminuzione dei votanti e la grande concorrenza di liste.

Il candidato sindaco della coalizione Marco Terenzi andrà al ballottaggio del 14 giugno ed in caso di vittoria noi abbiamo la possibilità di confermare la nostra presenza in Consiglio comunale.

Ringraziamo i nostri elettori per il voto e tutti i nostri sostenitori per l’aiuto dato alla lista. Siamo senza sede e senza particolari mezzi finanziari, ma sappiamo di non esser soli.

Seguiteci sul nostro sito e su Facebook. Abbiamo ancora tanto da fare, insieme.

Tags: ,
Filed under: | | No Comments

Rosso e verde, ancora

8 febbraio 2013
Pubblicato da Ermes Drigo

Abbiamo ricevuto, non firmata, anche se un nome era deducibile dall’indirizzo, la seguente mail:

Buon giorno… VI scopro solo oggi, trovo bella la filosofia e la politica che proponete, ma trovo assurdo che in un momento come questo ove il paese necessita di un cambiamento radicale vi proponiate come ROSSO VERDE! ROSSO? MA SIAMO ANCORA ALLE FALCE ED AI MARTELLI? Siamo e viviamo nel futuro come é possibile che vi identifichiate con modelli del passato che proprio nel nostro paese hanno fallito?? Non vi capisco!!! Comunque continuerò a leggere il VS sito anche se mi vergognerei solo li pronunciare la parola rossoverde. (5 febbraio 2013, 09.56)

La mail merita una risposta:

Senza rinnegare il passato, almeno per il sottoscritto, oggi il nostro logo non riporta n√© falce n√© martello e tutto ci√≤ non √® per caso. Il rosso esprime i diritti, il verde l’ambiente; la sfida da noi posta da sempre √® quella di mettere assieme i diritti, per esempio il lavoro, l’istruzione, e la salvaguardia dell’ambiente. Possiamo avere i nostri diritti senza derubare alle generazioni future le risorse garantendo anzi ai posteri la qualit√† della vita? Questa √® la grande scomessa della Citt√† Futura. In tutto ci√≤ non vedo oggetto di vergogna, anzi. Grazie comunque per leggerci.

Tags:
Filed under: | | No Comments

Un buon foglio di lavoro. Il primo anno di LCF

16 gennaio 2011
Pubblicato da Adriano Zanon

Con questo numero abbiamo pubblicato il nostro periodico per un anno intero ed √® inutile dire che noi che lo facciamo ne siamo orgogliosi. Naturalmente ne conosciamo i limiti ed anche i pi√Ļ piccoli difetti, ma √® un nostro figliuolo e quindi gli vogliamo un gran bene.
La Citt√† Futura, per noi LCF, √® un foglio A2 piegato due volte, prima in A3 e poi in A4. La prima pagina presenta il sommario e l‚Äôeditoriale, perlopi√Ļ politico. La seconda un altro approfondimento politico, la terza ospita sempre un intervento esterno, la quarta le rubriche. Aprendo tutto il foglio siamo al paginone, cio√® alle pagine 5-6-7-8, che √® stato almeno finora monotematico. Sappiamo che certuni aprono i fogli col tagliacarte, niente di male, l‚Äôimportante √® leggere comodamente tutto.

In quanto alla grafica, con piccole eccezioni, abbiamo sempre mantenuto lo stesso progetto, con le colonne sempre fincate e gli articoli organizzati quasi sempre su un’unica pagina. Questo offre dei chiari vantaggi alla lettura, ma ci fa fare molte capriole in fase di redazione degli articoli ed impaginazione. Infatti alcuni argomenti meriterebbero una lunghezza che così viene sacrificata e quando si tolgono tutte le immagini c’è sempre il rischio di rendere troppo fitta la scrittura.

Il giornale naturalmente √® scritto e impaginato da noi rossoverdi. Ormai siamo in grado di pensare e decidere il numero in un unico incontro mensile del gruppo che esprime un piccolo nucleo redazionale. L‚Äôunico costo esterno riguarda la stampa tipografica, sempre documentato, come lo sponsor. Sul nostro sito si riportano gli articoli pi√Ļ importanti in formato digitale, raggruppati in tag (o parole chiave), e tutti i numeri del periodico sono scaricabili in formato pdf.

Ma LCF è non solo un foglio di carta, è anche e soprattutto quello che si chiama sul pc un foglio di lavoro, un worksheet, uno strumento ormai al centro della vita politica portogruarese.

Come ha ricordato Patrizia Daneluzzo nell’editoriale, il periodico ha infatti scandito i tempi della nostra presenza politica in Comune e sul territorio, qualche volta registrando la situazione ma anche come protagonista. Non sono infatti mancati i momenti in cui il giornale è stato al centro di attenzioni particolari e di forti discussioni.

Come avvenne in piena campagna elettorale, con una articolo di Lucia Steccanella su LCF2 (febbraio), ‚ÄúFossalato: dimenticare Basaglia?‚ÄĚ, dedicato alle manovre in atto per impoverire la comunit√† psichiatrica di Fossalato. In verit√† non si mossero umori interni a psichiatria, ma sensibilizz√≤ un po‚Äô l‚Äôambiente politico pi√Ļ influente sull‚ÄôAsl 10 e il progetto venne rimandato ad autunno, quando venne ripreso con qualche maggiore attenzione e prudenza.

Come sul tema della privatizzazione dell‚Äôacqua, al quale avevamo dedicato il numero di maggio. Ivo Simonella scrisse l‚Äôeditoriale ‚ÄúL‚Äôacqua non √® una merce‚ÄĚ. Poi il 22 giugno partecipammo ai lavori della Commissione consigliare indossando le magliette con la vignetta di Lorenzo Bussi con le gru del Pilacorte che dicevano: ¬ęPrivatizzata¬Ľ ¬ęAcqua in bocca¬Ľ. Era un chiaro riferimento alla gestione del tema: pi√Ļ chiaro di cos√¨! Ma si sa, la politica a Portogruaro √® fatta di molti scontri silenziosi, di piccole, costanti battaglie, magari personali, ma mai esplicite, mai gridate. E naturalmente non piacque la nostra presa di posizione diretta, senza¬† infingimenti, su LCF6 (giugno). Se la prese allora il pi√Ļ interessato, Alessio Alessandrini, e ci fu uno scambio di note sul sito eppoi su LCF7-8 (luglio-agosto), quello distribuito alla Festa dell‚ÄôUnit√† di Giussago. (Poi noi non continuammo la battaglia scritta, ch√© personale non era.)

Come sul tema della gestione dell’Asvo, in seguito ad un articolo firmato da Ivo e da me su LCF10 (ottobre), dove si indicava una nuova governance, che andava ben oltre la triste spartizione delle nomine. Anche qui si è arrivati a cogliere attacchi personalizzati, un problema che sembra proprio difficile da evitare dalle nostre parti.

Da queste piccole schermaglie, dai segnali deboli delle reazioni e dalle statistiche di frequenza sul sito, abbiamo capito che il nostro piccolo giornale in realt√† √® letto molto attentamente, innanzitutto dagli addetti ai lavori, da chi fa politica a Portogruaro. Ma non solo, se √® vero che il numero pi√Ļ scaricato sul sito √® stato quello di giugno, dedicato allo sport.

La necessit√† di fare informazione politica ci ha costretto ovviamente a battere anche ripetutamente alcuni argomenti. Adesso, con il nuovo anno, dobbiamo fare in modo che ci leggano di pi√Ļ altri segmenti del ‚Äėmercato‚Äô portogruarese, a partire dai giovani e da tutti quelli che sono pi√Ļ sensibili ai nostri temi, i diritti di tutti, dagli uomini alla natura. In questo dobbiamo avere anche la capacit√† e l‚Äôintelligenza di usare meglio il nostro sito che √® tornato in quest‚Äôultimo mese quasi al livello di frequentazione di marzo-aprile, all‚Äôepoca delle elezioni. E‚Äô necessario che si trasformi da ripostiglio, da cassetto, a strumento attivo del dibattito nostro e della vita civile portogruarese.

Sappiamo che il 2011 sarà un anno duro, durissimo, ci siano o meno le elezioni politiche generali. Ma proprio perciò chiediamo ai nostri lettori di darci una mano a migliorare LCF e la nostra attività per Portogruaro.

Tags: ,
Filed under: | | No Comments

Ringraziamento

30 marzo 2010
Pubblicato da La Città Futura

Elezioni comunali
Bertoncello confermato sindaco al primo turno
Netto successo della coalizione

(Fausto Coppi come sempre taglia il traguardo senza alzare le mani dal manubrio)

I candidati della lista rossoverde ringraziano tutti gli elettori che ci hanno dato la loro fiducia e votato.
Ringraziamo inoltre tutti coloro che, pur non candidati, ci hanno sostenuto e incoraggiato in questa corsa elettorale.

Seguiteci su questo sito, stateci vicini, abbiamo bisogno di tutti voi e di tanti altri che riusciremo ad avvicinare a La Città Futura , il progetto rossoverde per Portogruaro.

Tags: ,
Filed under: | | 2 Comments »