La Città Futura

il progetto rossoverde per Portogruaro
 

Il periodico rossoverde per Portogruaro – n.11, novembre 2010

27 novembre 2010
Pubblicato da La Città Futura

Sul sito si può leggere in pdf il nostro periodico LCF11. Anche questo numero è costretto dagli avvenimenti ad affrontare innanzitutto temi di stretta attualità. Vediamo con ordine.

Nell’editoriale l’assessore (anche) all’Istruzione, Ivo Simonella, prende atto dell’impossibilità della gestione economica della cosiddetta scuola statale e chiama alla mobilitazione, già in atto da altre parti.

In seconda pagina, sempre Ivo Simonella riflette sulle cause delle alluvioni e sui meccanismi della Protezione Civile.

Pagina 3, sempre dedicata a contributi esterni, ospita il consigliere comunale Cristian Moro sul progetto della pista ciclabile tra Portogruaro centro e Portovecchio.

Pagina 4, è zona di rubriche, Un mese di cattivi pensieri è ossessionato dalla TAV. Ne ha ben donde.

Il paginone, cioè da pagina 5 a pagina 8, è quindi dedicato a temi della mobilità.

Ermes Drigo a pagina 5 riflette ancora sui meccanismi decisionali attorno alla TAV e su quali possono essere i percorsi alternativi e a pagina 6 sulla drammatica leggerezza attorno alla Terza Corsia.

Le pagine 7 e 8 ospitano due interviste, la prima ad Andrea Stocchetti dell’università di Venezia, sui temi strategici in tema di mobilità, e la seconda a Matteo Maestri, imprenditore su un prodotto ecologico made in Portogruaro.

(Ci ripetiamo. Gli articoli verranno progressivamente riprodotti anche su questo sito, dove è possibile raccogliere i commenti dei nostri lettori. Invitiamo infatti a scriverci, a dialogare, a criticare, a sostenere il nostro sforzo di analisi e battaglia culturale e politica.)

Tags:
Filed under: | | No Comments

Il periodico rossoverde per Portogruaro – n.10, ottobre 2010

1 novembre 2010
Pubblicato da La Città Futura

Sul sito si può leggere in pdf il nostro periodico LCF10. Il numero torna in particolare con un documento e tre articoli sulla situazione della scuola. Ma andiamo con ordine.

Nell’editoriale il nostro direttore Ermes Drigo commenta la paradossale situazione della TAV, un’opera strategica che vede improvvisazioni e decisioni a capocchia. Ci vorrebbe Paul… scrive Ermes, ma proprio alla vigilia della morte del polipo veggente! Che sfiga! E adesso, chi prende le decisioni?

In seconda pagina, Ivo Simonella e Adriano Zanon – il primo è l’attuale Assessore all’Ambiente (ed altro) ed il secondo un ex Consigliere d’amministrazione Asvo – firmano insieme un commento sulla fase di transizione della società dei rifiuti del portogruarese e non si esimono dal fare le loro proposte sulle questioni più importanti.

Pagina 3, sempre dedicata a contributi esterni, ospita Gloria Bortolussi che presenta il nuovo Centro RUA, “un’officina di ricerca espressiva che intende promuovere e diffondere l’incontro fra le arti e discipline performative, mettendo al centro della propria investigazione il corpo e il movimento”.

Pagina 4, zona di rubriche, ne introduce una nuova, Un mese di cattivi pensieri, cioè un tentativo di esorcizzare lo scemenzaio quotidiano. Aggiornato anche l’elenco dei posti dove si può trovare LCF.

Il paginone, cioè da pagina 5 a pagina 8, è quindi dedicato a temi della scuola.

A pagina 6, c’è un nuovo e speciale ‘Spazio agli altri’: un documento (un po’ sintetizzato) del Collegio insegnanti del 2° Circolo. L’originale è su questo sito.

Nelle altre tre pagine, Mariella Zanco tratta (pagina 5) della ‘relazione d’aiuto’, un grande tema della pedagogia preadolescenziale, e dei rischi che corre con i nuovi tagli alla scuola. Poi (pagina7) segnala una nuova forma di protesta, sempre ai tagli: niente gite. Infine (pagina8) manifesta tutto l’entusiasmo per le piccole conferenze in programma al teatro Russolo e organizzata dalle medie Bertolini.

Ci ripetiamo. Gli articoli verranno progressivamente riprodotti anche su questo sito, dove è possibile raccogliere i commenti dei nostri lettori. Invitiamo infatti a scriverci, a dialogare, a criticare, a sostenere il nostro sforzo di analisi e battaglia culturale e politica.

Tags:
Filed under: | | No Comments

Il periodico rossoverde per Portogruaro – n.9, settembre 2010

4 ottobre 2010
Pubblicato da La Città Futura

Sul sito si può leggere in pdf il nostro periodico che vuole mantenere la sua periodicità mensile e che è arrivato al numero 9. E’ un numero elaborato con due obiettivi di fondo:  riprendere il dibattito politico e mettere al centro della discussione alcuni aspetti della vita culturale portogruarese.

Così la capogruppo rossoverde Patrizia Daneluzzo nell’editoriale – Memo per gli Stati generali – riparte dalla discussione già avviata con le forze sindacali locali delle aziende in crisi, dove è già stata posta la domanda: che futuro vogliamo per quest’area? Una domanda che per avere una risposta reale richiede la convocazione degli ‘Stati generali’. Naturalmente Patrizia non si sottrae dal fare proposte e mette in primo piano i temi del lavoro.

In seconda pagina, la pagina del commento politico, Ermes Drigo dà i primi voti, la pagellina dopo i primi cento giorni dell’Amministrazione comunale. Si può dare di più! , dice il titolo e pare giocare nel dubbio tra un maggior impegno e un miglior voto futuro.  Lo fa comunque con la sua consueta libertà di giudizio e ci fa notare qualche insufficienza grave quando si deve valutare qualche metodo di lavoro.

Pagina 3, sempre dedicata a contributi esterni, ospita nuovamente Irina Drigo, che qui è sempre la benvenuta, però stavolta come Assessore che spiega il rinnovato bollettino municipale Portogruaro Informa.

Pagina 4 ospita la recensione dell’ultimo libro di Emilio Rigatti. Adriano Zanon mette infatti in evidenza il lato politico della sua testimonianza pubblicata da Ediciclo. Una politica della bicicletta vera ed efficace.

Il paginone, cioè da pagina 5 a pagina 8, è quindi dedicato a temi della politica culturale del nostro territorio.

Mariella Zanco in Il nostro Teatro critica – per amore sviscerato del teatro – una politica del listino prezzi del Russolo piuttosto bizzarra, dove le utenze scolastiche (pubbliche) hanno un trattamento paradossalmente più rigido degli abbonamenti per i singoli cittadini (privati).

Max Bazzana in Cambiare musica torna su una questione già accennata sul numero 3, la necessità che il Teatro comunale elabori un programma musicale che utilizzi  tutte le idee e risorse che il territorio offre e non rimanga chiuso all’autoreferenzialità della Fondazione Santa Cecilia. Più chiaro di così non si può.

Lucia Steccanella, in Sembra un film, quasi non crede che a Portogruaro ci sarà una sala cinematografica… E a modo suo ci dice che importanza ha – per qualcuno che non si rassegna alla televisione – frequentare la buia sala dove ancora si ripete il rito magico di una comunicazione non altrimenti riproducibile.

E sempre Lucia Steccanella dà ancora il segno della sua sensibilità in Tutti giù per terra!, dove descrive il disastro della scuola post riforma Gelmini che ha appena riaperto l’anno scolastico.

Gli articoli verranno progressivamente riprodotti anche su questo sito, dove è possibile raccogliere i commenti dei nostri lettori. Invitiamo infatti a scriverci, a dialogare, a criticare, a sostenere il nostro sforzo di analisi e battaglia culturale e politica.

Tags:
Filed under: | | No Comments

Il periodico rossoverde per Portogruaro – n.7-8, luglio-agosto 2010

29 agosto 2010
Pubblicato da La Città Futura

Ecco LCF 7-8, il numero più atteso perché esce dopo due mesi, mette assieme luglio e agosto, lascia alle spalle le ferie estive e ci ributta nella piena attività, lavorativa e politica. Dopo LCF6, che faceva qualche istantanea allo sport portogruarese, questo numero è infatti dedicato una volta di più alle cose da fare.

Così l’assessore Ivo Simonella sin dall’editoriale lancia un messaggio chiaro, prendendo atto dei vincoli del bilancio comunale: Sì tagliare, ma con metodo, dice, anzi: con metodi diversi dal passato, individuando assieme le priorità, ma abbandonando la prassi della piccola clientela locale.

Sempre Ivo in seconda pagina – con Democrazia in fumo – ci mette in luce come il proliferare delle centrali a biomasse nel nostro territorio siano un pericolo non solo per l’ambiente, ma anche una vera strage della democrazia e delle rappresentanze locali. Altro che paroni a casa nostra!

Pagina 3, sempre dedicata a contributi esterni, ospita la lettera di Alessio Alessandrini sul tema della privatizzazione dell’acquedotto, peraltro già pubblicata su questo sito, e la nostra breve replica. Nonostante il distacco di quest’ultima, la discussione appare tutt’altro che conclusa.

Pagina 4, oltre alle solite rubriche ospita la recensione dell’ultima fatica di Imelde Rosa e Mariella Zanco prende spunto per evidenziare come i capri espiatori siano tutt’altro che spariti dalla nostra società.

Il paginone, cioè da pagina 5 a pagina 8, è dunque dedicato a temi concretissimi: scuola, casa, traffico, energia.

Marisa Furlanetto in Riaprono le scuole? ci illustra le difficoltà al funzionamento minimo della scuola pubblica, il ruolo tradizionale del Comune nel sostenerne le spese, la necessità di una nuova alleanza tra scuola e comune e il ruolo dei genitori e degli studenti.

Ermes Drigo in Casa, dolce casa torna, alla sua maniera, su un tema drammatico: ci sono troppe case sfitte o invendute e troppi cittadini senza mezzi per avere una casa dignitosa. Che fare? La proposta è semplice, ma controcorrente. Il dibattito è aperto.

Marco Arreghini torna invece su un altro solito tema: Troppo traffico a Porto. Su questo argomento è chiaro che noi di LCF non molleremo l’osso tanto facilmente. Il messaggio è tutto indirizzato all’amministrazione comunale e le nostre proposte, pur non nuove, sono puntuali.

Matteo Civiero infine ci segnala che Il fotovoltaico cresce anche in Italia. E Portogruaro? Forse ne parleremo già dal prossimo numero.

Naturalmente speriamo di tornare a parlare anche di sport e altro ancora! Ma intanto, buona lettura di questo numero!

Tags:
Filed under: | | No Comments
« Pagina precedente