La CittĂ  Futura

il progetto rossoverde per Portogruaro
 

Contro le polveri

14 giugno 2012
Pubblicato da La CittĂ  Futura
 
NB: questa nota è corretta come da RICHIESTA DI RETTIFICA in commento.
 
 Quali sono i Comitati protagonisti della battaglia del territorio portogruarese contro le centrali a biomasse?
 
Nel giugno 2010 cinque gruppi si sono costituiti nel Coordinamento dei Comitati per la Difesa Ambientale e lo Sviluppo Sociale del Veneto Orientale. Ne fanno parte:
  • Comitato No Centrale Cereal Docks (presidente Renato Vivan)
  • Comitato Salute & Ambiente Portogruaro (presidente Claudio Fagotto)
  • Comitato per la Sicurezza Generale del Cittadino (presidente Gianfranco Battiston)
  • Comitato Territoriale di Fossalta di Portogruaro (presidente Fabio Pupulin, anche portavoce del Coordinamento)
  • Comitato Annia Nuova (presidente Maria Elena Crociani)

Dal maggio 2011 ne fa parte anche:

  • Comitato Concordia per l’Ambiente (presidente Salvatore Monni)

Nel giugno 2011, per supportare giuridicamente i comitati, è nata l’Associazione “Limen Universalis”, in grado di promuovere e tutelare, anche in giudizio, le istanze e i diritti dei cittadini.

Non fa parte del Coordinamento PortogruaroVive, l’associazione culturale guidata da Maria Luisa Venturin, professoressa nei licei cittadini. Questo gruppo è però molto attivo con il gazebo in piazza della Repubblica a Portogruaro ed è stato promotore di due incontri con il prof. Stefano Montanari che hanno riempito il Teatro Russolo (maggio 2011 e marzo 2012).

Va segnalato che Gianfranco Battiston è anche master di un sito, La voce del cittadino, molto attento ai temi dell’ambiente e alla cronaca sulle attività dei comitati cittadini.

Lancio delle lanterne, manifestazione di Eticamente davanti alla centrale di Villanova (5 giugno 2012)

Tags:
Filed under: | | 2 Comments »

2 Risposte a “Contro le polveri”

  1. Redazione scrive:

    Abbiamo ricevuto e pubblichiamo la seguente rettifica. L’articolo su sito è giĂ  corretto con queste informazioni. Ci scusiamo con gli interessati e per il ritardo nella correzione.
    _________________________________________

    Portogruaro, 19/07/2012

    Alla redazione de “La CittĂ  futura”

    RICHIESTA DI RETTIFICA

    In merito all’articolo apparso nel vostro giornale n. 20 di giugno 2012 dal titolo “Centrali a biomasse – I comitati del Portogruarese”, abbiamo rilevato alcune inesattezze e vi chiediamo gentilmente di pubblicare una rettifica.

    – La costituzione del Coordinamento dei Comitati per la Difesa Ambientale e lo Sviluppo Sociale del Veneto Orientale è avvenuta nel giugno 2010 e non nel giugno 2011.
    Da maggio 2011 ne fa parte, oltre ai giĂ  citati comitati, anche il Comitato Concordia per l’Ambiente il cui presidente è Salvatore Monni.

    – Al punto “Comitato Territoriale di Fossalta di Portogruaro” il presidente del comitato e il portavoce del Coordinamento è Fabio Pupulin e non Luciano Pivetta.

    – Abbiamo il piacere inoltre di segnalarvi che per supportare giuridicamente i comitati, nel giugno 2011 è nata l’Associazione “LIMEN UNIVERSALIS” in grado di promuovere e tutelare, anche in giudizio, le istanze e i diritti dei cittadini.

    Distinti saluti
    Fabio Pupulin

  2. Adriano Zanon scrive:

    Segnalo l’articolo di Gian Piero del Gallo su la Nuova Venezia del 2 luglio 2012. Riporto qui il finale.

    «Io credo che un impianto da un solo megawatt in un comune, fatto alla tedesca, cioè senza porcherie per alimentare il biodigestore e con scarti agricoli prodotti dalla stessa azienda o in zona, sia una buona cosa», dice ancora Armaroli, «il problema è che nel Portogruarese ci sono troppi furbastri che si stanno scavando la fossa con le loro mani, quindi non mi stupisco che si stiano facendo operazioni dubbie». Infatti, come aveva sottolineato la stessa consigliera Daneluzzo, la tutela dell’ambiente non esiste, il traffico proprio per trasportare liquami e quant’altro per l’alimentazione del biodigestore è cresciuto proprio nei pressi delle centrali, mentre il Piano energetico regionale, l’unico che potrebbe fare ordine, riposa in qualche cassetto della giunta regionale in attesa di approvazione.

Lascia un commento