Terremoti e fibre di carbonio

Per la sicurezza del nostro grande e pregevole patrimonio edilizio, composto soprattutto da edifici con muri in pietra e sassi, ritengo che bisogna fare quanto segue:

1) costruire una struttura interna alla abitazione, rigida, robusta e leggera (acciaio e legno, calcestruzzo solo per le fondazioni) che colleghi fondazioni, solai e tetto;
2) legare i muri perimetrali alla struttura interna incollando fasce di fibre di carbonio.

Sono convinto che per evitare gran parte dei crolli e soprattutto gran parte dei morti bisogna costruire “leggeri”.

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Economia, Società. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *